Ricette Piccanti

Olio Piccante al Peperoncino – Olio santo ricetta

L’olio piccante, riconosciuto anche con il nome di olio al peperoncino o anche olio santo piccante, è la cosa che nella dispensa non dovrebbe mancare mai. Moltissime piante si prestano alla produzione di oli da cucina, ma la prima per eccellenza è sicuramente il peperoncino.

In questo articolo proverò a dare le risposte alle domande più comuni, se ne mancasse qualcuna non esitate a chiedere nei commenti 😉

Come si fa l’olio piccante?

Olio Piccante peperoncini

Che peperoncini usare

La scelta dei peperoncini è puramente personale, molte persone scelgono qualità classiche della propria zone, da qua l’originale olio piccante calabrese è facile capire dove e con che peperoncino venga realizzato. Il mio gusto personale è quello di usare varietà molto forti, dosando poi la quantità di olio utilizzato. Usandolo come aggiunta e non come olio principale, trovo molto più comodo questa alta piccantezza. Il peperoncini che uso è il carolina reaper. Circa 20 grammi per litro per ottenere un prodotto molto piccante. Realizzato con Peperoncino Habanero consiglio circa 35 grammi per litro.

Olio Piccante bottiglia olive

Che olio usare

Per fare l’olio piccante va usato sempre e solo olio extravergine di oliva, la nostra amata penisola fornisce moltissime variazioni al gusto, più o meno forte, da nord a sud. La scelta è puramente personale. I miei gusti mi portano a preferire l’olio proveniente dal centro Italia che trovo la giusta via di mezzo tra i leggeri oli Liguri ed i corposi oli Calabresi.

Olio Piccante peperoncino

Peperoncini secchi o freschi

Per ottenere un buon olio al peperoncino ma soprattutto sicuro senza rischi per la salute, leggi di più sul botulino , consiglio i peperoncini secchi. Essiccati al sole o comunque non con procedimenti troppo caldi. Sopra i 50° si va a perdere molto sapore e di conseguenza l’olio piccante ne risentirà.

Olio Piccante peperoncini a galla

Come conservare olio piccante

La bottiglia contenente l’olio di oliva extravergine ed il peperoncino piccante secco,va riposta in un luogo buio e con una temperatura non superiore ai 22-24 gradi per circa un mese. Ogni settimana capovolgete la bottiglia per “mescolare” il contenuto.

Fate attenzione se in superficie si dovessero vedere peperoncini galleggiare. Eliminateli per evitare il problema di muffe.

Comprarlo già fatto:

Se volete provare olio al peperoncino veramente forte e buono consiglio questi da Amazon:



Altre info sul “piccante” su wikipedia.


Articoli Simili

13 Commenti

    1. Ciao, l’olio piccante realizzato con il Carolina Reaper è molto piccante, va usato con moderazione e lo sconsiglio ai palati (e non solo) non abituati al piccante estremo. Un buon olio con la giusta piccantezza puoi farlo con gli Acrata o Habanero (magari se lo vuoi più leggero).

          1. grazie. si lo so che va fatto con quello secco, solo che io ho acquistato 60 gr. di Komodo dragon che mi sembra piccantissimo, anche se non ai livelli del Carolina, l’ho seccato e ovviamente si è estremamente ridotto di peso (non so neanche se pesa 20 gr. ora) Mi chiedevo se non fosse troppo per un litro d’olio, visto che originariamente saranno stati 10 peperoncini. Mia moglie dice di farne due litri, io direi uno. grazie della risposta.

          2. Se mi dici che erano in origine 20 peperoncini io ascolterei la moglie facendo 2 litri. Troppo piccante poi rischi di non poterlo utilizzare quell’olio e non penso tu viglia sentire lamentarsi la moglie 🙂

  1. erano una decina (medio piccoli) . freschi pesavano in tutto 60 gr. Li ho appena pesati secchi e sono diventati si e no 10 gr, quindi ne ho fatto un litro solo: staremo a vedere tra un mesetto!
    grazie dei consigli.

    p.s.

    mia suocera lo tiene in frigo ma secondo me dura lo stesso in dispensa. o sbaglio?

  2. Buonasera, ho dimenticato i peperoncini a seccare per circa tre mesi…erano stesi su un vassoio in un luogo asciutto. Posso utilizzarli per fare l’olio o c’è qualche rischio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close